Riqualificazione compendio costiero di Is Mortorius – Quartu Sant’Elena

Concorso Nov 23, 2023

Il progetto consiste in una proposta per  realizzare e gestire una struttura destinata al turismo balneare con forti contenuti di tutela ambientale volti alla valorizzazione e alla fruizione dei terreni della ex Batteria Carlo Faldi, rappresentanti un unico compendio individuato di cui alla Cartografia IGM (territorio di Is Mortorius).

Lo sviluppo della linea di costa presenta una rada ed un litorale ciottoloso, presso cui sussistono i ruderi del villaggio dei pescatori che animavano la cosiddetta “tonnara” e su cui, successivamente è stata installata la batteria antinave, trasformata in colonia marina in periodo postbellico e, in seguito, lasciata in stato di abbandono. L’area di progetto risulta nettamente divisa dalla strada litoranea in due sub-compendi: una parte a mare ed una parte a monte con la culminazione del Nuraghe Diana. Nonostante la fruizione della parte a mare assuma un carattere importante, processi di disaffezione ed un conseguente degrado interessano entrambe le parti. Il sistema insediativo costiero al contorno, a carattere residenziale-turistico, è sostenuto interamente dalla strada litoranea (SP 17) lungo la quale si sviluppa dapprima un tessuto continuo lineare con caratteri marcatamente periurbani e residenziali, dal Margine Rosso fino a Flumini di Quartu e alla Marina di Capitana, per assumere, da qui in poi, forme insediative caratterizzate da nuclei turistici residenziali localizzati in corrispondenza delle principali spiagge ed incisioni vallive che segnano la costa alta da Is Mortorius fino a Capo Boi. Le emergenze storiche presenti all’interno del compendio sono il Nuraghe Diana, nella parte a monte, e i resti della Torre del Mortorio e della batteria antinave “Carlo Faldi” nel versante a mare. Le opere ricadono in aree di proprietà dell’Agenzia regionale Conservatoria delle coste della Sardegna in liquidazione e sono state oggetto di un intervento di valorizzazione.

Nell’area a cavallo della S.P. Cagliari – Villasimius si intende completare un complessivo disegno di miglioramento ambientale al fine della valorizzazione e conservazione, per tramite di una gestione pluriennale, del sistema da realizzarsi con prevalente capitale privato, nonché procedere alla ristrutturazione conservativa dei vari manufatti del vecchio borgo ex tonnara e degli altri minori manufatti ove sarà realizzata la direzione della struttura ricettiva che assolve alla funzione di presidio e fruizione delle emergenze storiche e miglioramento dei servizi per la balneazione e attività nautiche. Il progetto prevede interventi atti a valorizzare la presenza del Nuraghe Diana e di sistemazione delle aree comprendenti una generale delimitazione atta a evitare intromissioni e salvaguardare il sistema ambientale, preferendo sistemi avanzati di segnalazione delle intromissioni ed un sistema di videosorveglianza. Il Progetto intende creare un complesso ricettivo diffuso ad impatto sostenibile che potrebbe ospitare fino a 100 persone di cui 60 in tende tecnologiche. L’attività è orientata ad un uso pluristagionale che ha come direttrice comune quelle dell’elevata sostenibilità ambientale, del turismo alternativo anche permeato da offerta vacanza-lavoro-studio per offrire un prodotto oggi inesistente nella Città Metropolitana di Cagliari, creando una opportunità che produce principalmente occupazione giovanile.

Per admin

Translate »